Coltellate come un giudizio su di noi

Corteo per Arturo, fonte foto repubblica.it

Colpisce più di tutto della vile aggressione a Napoli al giovane Arturo la furia nichilista del gruppo di coetanei. Rispondiamo alla madre: sia Arturo figlio nostro. Facile. Prendiamoci poi la patata bollente: fare di quei teppisti figli nostri e metter la loro furia nichilista in relazione al nichilismo che ci soverchia da ogni lato, ammettendo d’aver fallito nel proteggere Arturo perché abbiamo fallito nel proteggere i suoi barbari coetanei. Non dorma tranquillo chi dà lavori da 12 ore al giorno a 300 €/mese come alternativa alla strada; non osi parlare chi lascia dilagare il nichilismo consumista nelle nostre vite e poi pretende che scuola e famiglie tamponino i danni. Tanto le coltellate quanto le ferite sono un giudizio su di noi. Bisogna ascoltarlo devotamente, altrimenti corriamo il rischio di batterci per difendere il nostro diritto allo spritz. Davvero poco edificante.

Annunci

PRIMA DI COMMENTARE, RICORDA: i tuoi commenti, prima di essere resi visibili, sono soggetti ad approvazione dell'amministratore del sito. Per vedere approvati i tuoi commenti, puoi scrivere tutto ciò che pensi purché tu lo faccia con la tua vera identità e non offenda alcuno, non fomenti battibecchi, non violi la legge e la buona educazione.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.